United Movement of Pixels
Galleria fotografica d'autore di Iacopo Iacopini

English version english

Tubi prolunga per macrofotografia – Canon 7D + 100mm macro

Autore: Iacopo I.
Data: giovedì, 23 20 Settembre10
Leggi le altre recensioni in: Accessori
Condividi con i tuoi amici: Mi piace       
Sfoglia altre recensioni:
  

Personalmente sono rimasto affascinato dalla macrofotografia fin da quando ho iniziato a scattare le prime fotografie con la mia prima reflex a pellicola. Da studente quale ero sempre a corto di fondi dovevo in qualche modo arrangiarmi e così i miei primi esperimenti si basavano sull’uso di banali lenti di ingrandimento trovate a qualche mercatino. Qualche tempo dopo mio padre mi (si) regalò un, per me allora meraviglioso, anello ad inversione con il quale potevo montare al contrario sul corpo macchina il mio 50mm per scattare foto ravvicinitassime ma non senza una serie di inconvenienti notevoli come una profondità di campo ridottissima. Da quei tempi sono cambiate molte cose e diverse macchine fotografiche fino alla mia attuale accoppiata della Canon EOS 7D e il mitico Canon EF 100mm f/2.8 macro USM. Se già questi strumenti da soli hanno una resa macro superba e spettacolare quando si inizia ad andare nel piccolo si vuole sempre raggiungere un gradino successivo e così mi sono deciso ad acquistare un set di tubi prolunga per macrofotografia.

Tubi prolunga per macro fotografia - Test Canon

Tubi prolunga per macro fotografia - Test Canon

I tubi prolunga sono degli strumenti di per se molto molto semplici ed utilissimi. Sono letteralmente dei tubi vuoti, senza elementi ottici (nessuna lente) che si interpongono tra il corpo macchina e l’obiettivo in modo da distanziare la lente dal piano su cui si riproduce l’immagine (il sensore o la pellicola). Più la distanza è elevata più l’immagine sarà ingrandita al costo però di perdere in luminosità dell’obiettivo e perdita di messa a fuoco a distanze elevate ed infinito. Esistono due tipi diversi di tubi estenzione in commercio, con e senza prolunga dei contatti elettrici (vedi l’immagine di lato). In presenza di prolungamento dei contatti elettrici l’obiettivo continuerà a comunicare con il corpo della macchina fotografica in modo da mantenere l’autofocus e le impostazioni automatiche di scelta dei tempi e del diaframma dell’obiettivo.

In particolare per Canon esistono molti tipi di tubi in commercio che si distinguono per qualità, lunghezza e soprattutto prezzo. Esistono gli originali Canon da 12mm e 25mm che si trovano in commercio a prezzi intorno ai 120 euro  l’uno. Un altro set molto conosciuto e di cui si parla molto bene è quello della Kenko che prevede tre tubi da 12mm, 20mm e 36mm ad un prezzo ragionevolmente più contenuto. Personalmente ho optato per un set molto più economico che però mi garantisse comunque la presenza dei contatti elettrici, per questo ho acquistato su e-bay un set nuovo della SEIMAX per Canon AF ad un prezzo che si aggirava intorno ai 50 euro. Il set è composto da 3 tubi di 13mm, 21mm e 31mm di qualità costruttiva discretamente buona anche se io utilizzo il set prevalentemente in studio. La mia scelta è stata dettata dal fatto che non avendo elementi ottici mi bastava che fossero presenti i contatti elettrici e che la qualità fosse buona. Devo dire che mi sono trovato fino ad ora benissimo con quelli che ho, i contatti hanno sempre funzionato alla perfezione e una volta montati appaiono discretamente robusti.

In questo articolo volevo puntare l’attenzione sul fattore di ingrandimento dato dall’utilizzo di una combinazione di tubi prolunga sulla Canon EOS 7D e il Canon EF 100mm USM macro f/2.8. Per questo ho scattato diverse foto alla minima distanza di messa a fuoco ad un foglio di carta millimetrata. Nelle foto ogni quadrato è delle dimensioni di 1mm x 1mmm. Le foto sono state scattate a mano libera ed elaborate in post produzione aumentandone artificialmente il contrasto per rendere evidente il fattore di ingrandimento piuttosto che la qualità dell’immagine per cui sarà scritto in futuro un nuovo articolo.

Ma passiamo ad analizzare i risultati del test con l’indicazione della superfice reale fotografata a confronto con la superfice senza tubi prolunga.

Canon EOS 7D + Canon EF 100mm USM Macro f/2.8 (21,5mm x 14,5mm circa)

Canon EOS 7D + Canon EF 100mm USM Macro f/2.8 + tubo da 13mm (18,5mm x 12,5mm circa)

Canon EOS 7D + Canon EF 100mm USM Macro f/2.8 + tubo da 21mm (16mm x 10,5mm circa)

Canon EOS 7D + Canon EF 100mm USM Macro f/2.8 + tubo da 31mm (14,5mm x 10mm circa)

Canon EOS 7D + Canon EF 100mm USM Macro f/2.8 + tubi da 13mm e 21mm (14mm x 9,5mm circa)

Canon EOS 7D + Canon EF 100mm USM Macro f/2.8 + tubi da 13mm e 31mm (13mm x 9mm circa)

Canon EOS 7D + Canon EF 100mm USM Macro f/2.8 + tubi da 21mm e 31mm (12,5mm 8,5mm circa)

Canon EOS 7D + Canon EF 100mm USM Macro f/2.8 + tubi da 13mm, 21mm e 31mm (11,5mm x 7,5mm circa)


ALTRE GALLERIE CASUALI
Giocando con un vetro opaco
Giocando con un vetro opaco
Fotografo: Iacopo I.

Era freddo fuori in quei giorni e la neve ricopriva ogni singola pietra. Dentro invece era caldo e c’era il legno a rendere il tutto ancora più accogliente. I cuscini morbidi, il letto soffice e la fredda luce attraverso il ghiaccio sulle finestre. Un vetro nel mezzo alla stanza ed un esperimento per dare alla mente una grande scusa per giocare.

Seguiti dalla neve, nell’aria!
Seguiti dalla neve, nell’aria!
Fotografo: Iacopo I.

Freestyle, snowboard, skiboard e carving attraggono ogni anno migliaia di nuovi talenti sulle piste da sci. Acrobazie, salti e tanto divertimento per i nuovi amanti della neve.

La magia dell’accoppiamento della Lumaca – Limax maximus
La magia dell’accoppiamento della Lumaca – Limax maximus
Fotografo: Iacopo I.

Durante l’accoppiamento le lumache terrestri (Limax Maximus) rimangono appese ad un filamento e si avvolgono unendo i loro organi riproduttivi azzurri in uno spettacolo insolito ed acrobatico. Macrofotografia.



2 Commenti Segui i commenti di questa galleria


  1. tu consigli il 100 mm sulla 7d anche se c’è il fattore di conversione che lo rende un 160mm? io lo volevo prendere principalmente per insetti ma volevo sapere se si può utilizzare anche per ritratti o se è troppo spinto per ritratti?
    ti ringrazio
    Gaia

    Dic 22, 2010 @ 13:20 by caoduro gaia


  2. Ciao Gaia,
    si effettivamente 160mm diventa un po’ lungo come focale e questo implica dover mantenere una certa distanza dal soggetto ma penso che la resa sui ritratti sia veramente eccezionale. Se ti interessano i volti o addirittura spingerti a catturare gli sguardi o i particolari delle persone sei sulla strada giusta, non te ne pentirai.
    Fammi sapere se hai bisogno di altre informazioni.

    Ciao,
    Iacopo

    Dic 22, 2010 @ 21:32 by Iacopo I.

Lascia un commento