United Movement of Pixels
Galleria fotografica d'autore di Iacopo Iacopini

English version english

Parco Gustav Vigeland di Oslo

Fotografo: Iacopo I.
Sfoglia le altre gallerie in: Luoghi e Viaggi
Condividi con i tuoi amici: Mi piace       
Sfoglia altre gallerie:
  

Parco Gustav Vigeland - Oslo

Parco Gustav Vigeland - Oslo

Oslo è una città affascinante soprattutto se visitata con uno splendente sole caldo ed un cielo azzurro che niente invidia alla primavera inoltrata delle terre mediterranee. Pur non essendo un centro grande ha tante meraviglie da visitare e per farlo si può fare semplicemente e comodamente in bicicletta. Due pedalate tra il traffico moderato ed ordinato della città nordiche e dal centro si arriva al Frognerparken conosciuto per il nome dell’artista che lo ha interamente personalizzato Parco Vigeland.

Fu a seguito di un patto fra le autorità del comune di Oslo e lo scultore Gustav Vigeland che diede vita ad una delle più celebre attrattive della città, il parco che prende il nome dell’artista. Il Vigelandsparken fu infatti scelto come spazio da dedicare alle opere dello scultore in seguito alla volontà del comune di abbattere l’edificio dove si trovava il suo studio. Dal 1924 per circa venti anni fino alla sua morte Vigeland produsse una serie di capolavori che andarono ad adornare gli spazi aperti del parco e la sua casa oggi trasformata in museo.

 


ALTRE GALLERIE CASUALI
Sfinge del Convolvulo (Agrius convolvuli) – Macrofotografia
Sfinge del Convolvulo (Agrius convolvuli) – Macrofotografia
Fotografo: Iacopo I.

Macrofotografie di un esemplare di Sfinge del Convolvulo (larva di Agrius convolvuli), il bruco è caratterizzato da un corno sulla fronte.

Sfortunatamente non sempre, ma ci stiamo provando
Sfortunatamente non sempre, ma ci stiamo provando
Fotografo: Iacopo I.

Foto ritratti in bianco e nero e a colori delle persone con cui ho condiviso belle e brutte cose.

Giocando con un vetro opaco
Giocando con un vetro opaco
Fotografo: Iacopo I.

Era freddo fuori in quei giorni e la neve ricopriva ogni singola pietra. Dentro invece era caldo e c’era il legno a rendere il tutto ancora più accogliente. I cuscini morbidi, il letto soffice e la fredda luce attraverso il ghiaccio sulle finestre. Un vetro nel mezzo alla stanza ed un esperimento per dare alla mente una grande scusa per giocare.



Lascia un commento